Meditazione

Possiamo in fin dei conti affermare che la pratica degli asana (le posizioni yoga), qualsiasi sia lo stile e il lignaggio, ha come “obiettivo finale” quello di prepararci alla più importante e sublime delle pratiche: la meditazione.

I più antichi segni rinvenuti in India che testimoniano l’esistenza dello yoga, portano con sé l’immagine di uno yogi a occhi chiusi seduto nella posizione di meditazione, dimostrando che praticare l’immobilità per osservare ciò che succede all’interno è un’arte molto antica che risale a migliaia di anni prima della nostra era.

Meditazione

Con la meditazione, invitiamo e alleniamo il nostro “sguardo” a rivolgersi all’interno, a ritrarre la nostra attenzione, costantemente attratta e stimolata da qualcosa di esterno, su noi stessi, sul nostro respiro, sul nostro corpo, sulla nostra mente

Questo ci porta, con il tempo, a conoscerci meglio, a imparare a distinguere quelli che sono degli atteggiamenti automatici e compulsivi dalla nostra voce più autentica, quegli aspetti della personalità che ci si sono poggiati addosso dal nostro sé più autentico.

Ciò che accomuna i vari stili, metodi e tecniche, è il beneficio che deriva dalla pratica della meditazione.
Una pratica costante non può che portarci ad approfondire la relazione con noi stessi, a livello fisico, mentale ed emotivo, permettendoci di raggiungere una maggiore consapevolezza e calma interiore, quindi una più piena applicazione delle risorse della mente, del cuore, ma anche di tutto il nostro organismo a 360º (sistema circolatorio, nervoso, immunitario).

Le video lezioni di Meditazione

Prova gratis

0
00
per 3 giorni consecutivi
  • Video On demand
  • Lezioni in streaming
Popolare