fbpx

Prakāśa

La luce della Coscienza, intesa come realtà ultima di tutte le cose, è chiamata a casa.la sorgente di ogni fenomeno, quindi anche l’essenza della nostra identità, è la pura luminosità.

प्रकाश / Prakāśa (Luce, pura luminosità)

La luce della Coscienza, intesa come realtà ultima di tutte le cose, è chiamata a casa la sorgente di ogni fenomeno, quindi anche l’essenza della nostra identità, è la pura luminosità. Che le cose appaiono è dovuto interamente alla luce della Coscienza il loro apparire esso stesso questa luce che conferisce a tutte le cose la loro evidente natura manifesta.

Secondo la visione dello Śivaismo tantrico del Kaśmir (l’universo filosofico alla base delle nostre pratiche yoga), l’Assoluto, la realtà ultima e immutabile all’origine di tutte le cose, è definito Coscienza. È un concetto che in Occidente, può forse essere più affine alla comprensione della natura del divino propria dei mistici cristiani piuttosto che alla coscienza com’è concepita dagli psicologi e filosofi della mente.

La Coscienza suprema è chiamata Prakāśa, la Luce che si svela e si espande ovunque, brillando in questo o in quel modo, in ogni forma e in ogni aspetto particolare della nostra esperienza, assumendo le qualità ora del blu, ora del rosso, ora del Sole, ora delle tenebre, senza smettere mai di essere infinita Luce e pura luminosità.

Notiamo in quest’ottica, quanto l’esperienza fondamentale dell’illuminazione è simboleggiata in modo appropriato dalla Luce: una visione del mondo raggiante della luce e della vita della realtà divina, in tutte le cose e tuttavia al di là di esse.

Riconoscere che la luce della propria coscienza è tutte le cose, è l’esperienza più profondamente trasformativa che possiamo fare: ciò non altera né la natura delle cose né la nostra natura, ma illumina la nostra consapevolezza di ciò.

Prakāśa

Condividi questo post
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter